Home MILAZZO24 NOSTOP Milazzo (ME) – Consiglio Comunale rallenta l’approvazione dello statuto sull’Area Marina Protetta...

Milazzo (ME) – Consiglio Comunale rallenta l’approvazione dello statuto sull’Area Marina Protetta di Capo Milazzo

136
0
SHARE

Le associazioni ed i comitati territoriali ambientalisti di Milazzo e della Valle del Mela esprimono forte preoccupazione sul rallentamento nella procedura di approvazione dello Statuto, che il Consiglio Comunale mamertino dovrebbe sancire sull’Area Marina Protetta. «È incomprensibile l’atteggiamento del Consiglio Comunale di Milazzo, che per ben due volte ha rinviato l’approvazione dello Statuto dell’Area Marina protetta del Capo. – hanno dichiarato i vari esponenti ambientalisti – Non è chiaro a molti, specie a chi viene quotidianamente soggiogato ad arte, che la mancata approvazione dello Statuto non permetterà a pescatori, sub e diportisti di praticare alcun tipo di attività. Ciò rappresenta un limite alla possibilità di godere delle straordinarie bellezze naturali e paesaggistiche del promontorio di Milazzo.  Si sta consumando un danno economico a discapito di molte famiglie (pescatori e sub) e d’immagine alla Città di Milazzo, dove le responsabilità sono chiare e individuabili da tutti. Senza l’istituzione del Comitato di gestione l’intera area verrà blindata e non sarà possibile fare attività. Ripicche e veti politico-personali non possono frenare un modello di sviluppo sostenibile, che è votato all’occupazione e ad una economia, che intende tutelare in primo luogo proprio i pescatori. In occasione della presenza a Milazzo del Ministro all’Ambiente Costa, lo scorso 23 aprile, alcuni componenti del Consiglio Comunale si erano impegnati ad esitare la proposta di deliberazione in tempi celeri. Tra esame in commissione e ben due rinvii in Aula, la delibera è nelle mani dell’organo consiliare da oltre un mese e mezzo. Tutt’altro dall’impegno espresso nei confronti di un Ministro della Repubblica, che attende l’approvazione dello Statuto da parte dell’Ente. Abbiamo ascoltato in Aula interventi privi di fondamento giuridico e scientifico col solo fine d’alimentare populismo e demagogia. Si tratta di un’azione politica distorta attraverso messaggi errati e fuorvianti, che non rappresentano la realtà. Chiederemo alla Capitaneria di Porto di Milazzo d’intensificare ulteriormente i controlli nella zona per evitare l’accesso all’interno dell’AMP. Allo stesso tempo, valuteremo la possibilità di chiedere al Ministro Costa il commissariamento dell’Area Marina Protetta. L’onta peggiore è inevitabile, in caso di ulteriore atteggiamento palliativo, di cui si macchierà la Città di Milazzo e ancor più la politica locale, che continua a galleggiare prendendo tempo su un argomento di vitale importanza per il territorio».

Foti Rodrigo