Home MILAZZO24 NOSTOP Milazzo (ME) – Piano delle opere pubbliche, nuova rimodulazione dell’Assessorato allo Sviluppo...

Milazzo (ME) – Piano delle opere pubbliche, nuova rimodulazione dell’Assessorato allo Sviluppo Economico

105
0
SHARE

L’Assessore allo Sviluppo economico Carmelo Torre ha comunicato l’avvenuta redazione da parte degli uffici comunali del Piano delle aree pubbliche a posto fisso che punta – come lo stesso sottolinea – «a regolamentare tutta una serie di categorie nelle varie piazze e luoghi di aggregazione cittadine (marina Garibaldi, piazza Roma, piazza San Papino, piazza Marconi, Santo Pietro, Ciantro, Impastato e lungomare di Ponente) al fine di offrire ai visitatori una città dall’immagine unitaria e decorosa». Torre evidenzia che il Piano, che apre anche al food, pure nella riviera di Ponente, prevede complessivamente una cinquantina di postazioni, in pratica il doppio rispetto alle attuali e si caratterizzerà anche per la collocazione di strutture aventi le stesse caratteristiche (in ghisa e in legno). «L’obiettivo è porre fine a fenomeni di abusivismo e dare occasione ai giovani, che vogliono iniziare questa attività imprenditoriale di farlo nel rispetto di regole univoche. In tal senso i posti che sono stati previsti in aumento saranno messi a bando, mentre chi già opera nei siti assegnati continuerà a farlo regolarmente. Questo Piano era un mio preciso impegno visto che negli ultimi 20 anni la programmazione è stata carente». Una volta predisposto il Piano, dovrà adesso ricevere i pareri del Comando polizia locale, del dirigente del settore Territorio ed Ambiente, dell’ex Provincia di Messina e dell’Asp. Non è escluso che, per accelerare i tempi, ciò possa avvenire attraverso una conferenza di servizi, che si terrà nei prossimi giorni. A quel punto il Piano dovrà essere esitato dalla Giunta e quindi seguire l’iter in commissione consiliare per poi giungere al voto dell’Aula; ma Torre è ottimista: «Ritengo che le forze politiche condividano l’impegno finalizzato a restituire decoro alla città».

Foti Rodrigo