Home TUTTO MESSINA Messina – Città Metropolitane e Liberi Consorzi, anticipata al 15 maggio la...

Messina – Città Metropolitane e Liberi Consorzi, anticipata al 15 maggio la marcia dei Sindaci a Palermo

167
0
SHARE

La marcia dei Sindaci in programma a Palermo e promossa dal Sindaco della Città Metropolitana di Messina, Cateno de Luca, è stata anticipata a mercoledì 15 maggio 2019, alle ore 11:00 a Piazza Indipendenza. Il concentramento coinvolgerà tutti i Sindaci Metropolitani, i Commissari dei Liberi Consorzi e di tutti i Sindaci dei Comuni siciliani per sottolineare l’impossibilità da parte delle ex Province di far fronte agli obblighi istituzionali e alla erogazione dei servizi a causa della drammatica situazione economica, determinatasi esclusivamente a causa del prelievo forzoso dello Stato. «Ritengo indispensabile unire le forze di tutti noi Sindaci siciliani e, pertanto, saremo a Palermo il 15 maggio per manifestare il disagio delle comunità locali a causa della impossibilità delle ex Province siciliane tutte di erogare servizi e nel contempo per consegnare al Presidente della Regione la soluzione tecnica, individuata per risolvere definitivamente i problemi finanziari dei Liberi Consorzi e Città Metropolitane della Sicilia. La proposta è finalizzata all’approvazione da parte del Parlamento nazionale delle modifiche normative, che consentano alle Città Metropolitane e ai Liberi Consorzi di approvare i Bilanci pregressi anche in presenza di criticità (squilibri) ed alla copertura finanziaria per il triennio 2019-2021, utilizzando le somme del Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) per circa 350 milioni di euro. Questa soluzione, pur non ottemperando pienamente alla richiesta originaria di avere restituiti i fondi sottratti alle ex Province dal prelievo forzoso (legge 190/2014), uniformandosi a quanto già avvenuto nelle Regioni a Statuto Ordinario, è in questo momento l’unica soluzione praticabile per salvare le Città Metropolitane e i Liberi Consorzi siciliani, evitando un danno peggiore e irreversibile come la dichiarazione di dissesto, che, così come già detto in più incontri istituzionali, non consentirebbe comunque di utilizzare le risorse finanziarie per investimenti sul territorio, stante che il dissesto, in presenza di una non risolta crisi finanziaria degli Enti di area vasta, non rappresenta la soluzione al problema della impossibilità di approvare i documenti contabili degli Enti».

Foti Rodrigo