Home TUTTO MESSINA Messina – Bando Periferie, illustrate modalità d’accesso al finanziamento per interventi di...

Messina – Bando Periferie, illustrate modalità d’accesso al finanziamento per interventi di riqualificazione urbana

95
0
SHARE

Si è svolto stamane a Palazzo dei Leoni, alla presenza del Sindaco metropolitano Cateno De Luca l’incontro coi rappresentanti della Cassa Depositi e Prestiti Leandro Lo Presti e Antonio Mancini, e dei Comuni beneficiari degli interventi inseriti nel programma per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie. Il confronto odierno ha visto la presenza dei rappresentanti di 24 Comuni sui 37 complessivamente beneficiari ed è stato finalizzato all’acquisizione di tutte le informazioni utili per le municipalità, che intendano richiedere il prestito flessibile messa loro a disposizione dalla Cassa Depositi e Prestiti. Lo Presti e Mancini hanno approfondito tutti gli aspetti tecnici del prodotto finanziario in maniera tale che gli enti in graduatoria possano predisporre la documentazione necessaria alla richiesta del prestito, in considerazione della modifica della convenzione, predisposta

dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e già sottoscritta dalla Città Metropolitana di Messina, che ha modificato le modalità di erogazione del finanziamento complessivo ammontante a 39.930.000 euro: in particolare, la revisione della convenzione ha eliminato la possibilità di richiedere l’anticipazione del 20% per cui i Comuni, che dovranno porre in essere la documentazione per i bandi di gara, per cui gli enti locali dovranno anticipare l’intero importo concesso dal Bando Periferie e, qualora non dovessero avere la necessaria copertura finanziaria nel proprio bilancio, potranno aderire al prestito in maniera tale che possano essere in grado di appaltare i lavori. Le somme saranno rendicontate dalla Città Metropolitana di Messina (soggetto attuatore del Bando Periferie che si occupa del monitoraggio), con cadenza semestrale, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e, successivamente sarà il Ministero dell’Economia e delle Finanze che erogherà a rimborso le somme anticipate dai Comuni.

Foti Rodrigo