Home ENTERTAINMENT Successone per lo spettacolo “Folli come la luna”

Successone per lo spettacolo “Folli come la luna”

249
0
SHARE
Folli come la luna, inno alla bellezza e alla sensibilità delle donne
Lo spettacolo dal titolo “Folli come la luna, affronta il delicato ed attualissimo tema della violenza sulle donne. Nasce da un’idea di Angela Ricci, attrice, sceneggiatrice e regista,  messo in scena per l’ensemble “Les filles de la lune “, fondata dalla stessa.
E’ un inno alla bellezza ma anche una denuncia ai pregiudizi che da sempre gravano sulla donna generando stereotipi che spesso sfociano in violenza in tutte le sue sfumature.  “La Grande Madre dispiegò le ali per avvolgere il buio e la luce,il caldo e il freddo,il giorno e la notte. L’archetipo della Grande Madre, la creazione della vita, l’elemento femminile,il patto originario con l’universo. Uno spettacolo dai molteplici e variegati volti.
Una ricerca sull’elemento mitologico ma anche un percorso storico per omaggiare alcune grandi donne del passato:Saffo di Lesbo,Ipazia d’Alessandria, Artemisia Gentileschi, Olympe DeGauche, Simone Weil. Donne che hanno lasciato un segno nella storia dell’umanità ma spesso dimenticate anche dagli accademici di tutto il mondo.
La storia della donna, nel corso dei secoli,  si è nutrita, spesso e volentieri, di silenzi”.Un inno alla bellezza ma anche una denuncia ai pregiudizi che, da sempre, gravano sulla donna generando stereotipi che spesso sfociano in violenza in tutte le sue sfumature.
 La donna è vita, poesia ed amore.  Un immaginario collettivo che la vuole debole sottomessa, prostituta, madre,santa,o strega! Ma forse la donna è anche qualcosa di più!  Ancora oggi la donna subisce forme di violenza sia psicologica sia fisica. Una ricerca non solo mitologica ma storica.
Nello spettacolo, “Folli come la Luna”, la danza, la musica, il canto si fondono in un atmosfera magica e suggestiva. La parola diventa così poesia ma anche un accorato urlo alla libertà.
Se la storia non fosse stata scritta solo da uomini sarebbe stata tutta un’altra Storia. Tanti applausi finali, davvero meritati, per lo spettacolo, unico e interessante, per riscoprire e valorizzare l’universo donna.
La vera liberazione sta nel trasformare la donna in una donna autentica. Ironiche, brillanti, sensibili, vittime di loro stesse e degli altri, ma pur sempre piene di speranze.  Se la donna non è veramente libera di essere se stessa, anche l’uomo non sarà mai davvero uomo.