Home TUTTO MESSINA MESSINA CULTURA La tragica alba del 28 Dicembre del 1908. 110 anni fa il...

La tragica alba del 28 Dicembre del 1908. 110 anni fa il terremoto che distrusse Messina e Reggio Calabria

155
0
SHARE

Ad perpetuam rei memoriam

Il 28 dicembre del 1908 alle 05:20 un potente terremoto, stimato al 10 grado della scala Mercalli, seguito da un maremoto, distrusse al 90% la città di Messina con 80.000 morti su circa 140.000 abitanti e quella dirimpettaia di Reggio Calabria, la Calabria ebbe 40.000 vittime di cui 14.000 circa nella città di Reggio che contava circa 70.000 abitanti. Il ricordo è ancora vivo,nel racconto dei figli dei sopravvissuti, ma le ferite morali, economiche e sociali sono ancora aperte.Si è determinato uno iato nella storia della Città di Messina che ha interrotto un’epoca di relativa autosufficienza economica, dinamismo sociale, economico e culturale per intraprenderne un’altra segnata dalla precarietà in ogni campo del vivere civile, la sindrome del terremoto continua.

 

28 Dicembri d’’u 1908, Ode di Antonio Cattino in Lingua Siciliana con traduzione in lingua italiana.

A li cincu e rutti ‘i ‘dda matina
quannu lu suli ancora durmiva
arreti ad Asprumunti ‘nnivateddu,
la terra si muviu cu’ scuncassu,
avanti e arreti e poi suttasupra
comu ‘na pezza chi ‘nto ventu vola,

scassannu ‘sta città e la vicina
Riggiu chi di Missina è soru di lu Strittu,
scasaru ‘nterra c’un tronu bistiali
e poi lu mari puru si mittiu
a cumplitari l’opira infirnali .

Ferri,pitrami, macerii e pruvirazzu
lamenti e grida ad ogni cantunera
e tanti morti chi non pozzu diri
mai truvati sutta li so’casi.

Cheta durmia la città e li so’ genti
chi da lu sonnu alla morti trapassaru,
e tanti chi scampati alla ruijna,
‘mmenzu a li casi rutti si truvaru,
comu pigghiati ‘i ‘nu sturdimentu
isavanu l’occhi a lu firmamentu,
pi’ diri a Diu… “Chi ni cumminasti?

Quali piccati fici ‘sta Missina
chi scumpariu ‘nta sta mala matina? ”
E poi li ciammi c’abbrucianu ‘i palazzi
li casi e chiddu chi ristau addritta;

‘Na manu nira poi sinni calau
comu p’ammucciari tanta malavista…
quannu l’opira fu cumplitata
li navi russi ‘nta lu strittu traseru
e li succursi pir primi ni purtaru.

Ma ora chi parramu di ‘sta storia
videmu sta cità ricostruita
cu’ genti nova poi ripopulata,
cu pocu amuri sempri guvirnata
senza travagghiu e senza primavera.

Li giuvini chi vannu sempri fora,
luntanu senza spiranza ‘i riturnari,
mentri cu putiria fari surdu pari,
e sordi cunta senza ripusari,
chiurutu nta campana di so’ affari:

– Ma surgi ! pigghia in manu a to’ bannera!
Stinnardu anticu di lu Gran Mircì,
rivota sta calmanza sciruccusa,
chi lissa porta e ginira apatia
ripigghia ‘nta li mani la to storia,
ripensa in granni e fai la facci dura
pi’ riturnari a essiri rigina
terra d’amuri, travagghiu e libirtà…….

antoniocattinosax© 27 Dic.2011 –ogni dirittoriservato secondo legge.

TRADUZIONE in lingua Italiana:

28 Dicembri d’’u 1908 di antonio cattino

<Alle cinque e rotti di quella mattina/quando il sole ancora dormiva/dietro Aspromonte poco innevato/la terra si mosse con sconquasso/avanti ed indietro e poi sottosopra/come uno straccio che nel cielo vola///

squassando questa città e la vicina/Reggio che di Messina è sorella dello Stretto/furono atterrate con un tuono bestiale/ e poi il mare ci mise anche la sua/a completare l’opera infernale///.

Ferri,pietrame,macerie e polvere/lamenti e grida ad ogni angolo/e tanti morti di cui non posso dire/mai trovati sotto le loro case;

Quieta dormiva la città e la sua gente/che dal sonno alla morte trapassava/e tanti che scampati alla rovina/in mezzo alle case distrutte si trovarono/come sorpresi da uno stordimento/alzavano gli occhi al firmamento/per dire a Dio…”che ci hai combinato?

Quali peccati fece questa Messina/che è scomparsa in questa cattiva mattina?”/E poi le fiamme che bruciano i palazzi/le case e quello che era rimasto all’impiedipoi una mano nera è calata sopra/come a nascondere tanta cattiva vista/quando l’pera fu completata/le navi russe nello stretto sono entrate/e per prime i soccorsi ci hanno portato.

Ma ora che parliamo di questa storia/vediamo questa città ricostruita/con gente nuova poi ripopolata/con poco amore sempre governata/senza lavoro e senza primavera/i giovani che vanno sempre fuori/lontano senza speranza di ritornare/mentre chi potrebbe fare pare sordo/e conta soldi senza riposare,/chiuso nella campana dei suoi affari :

“Ma alzati! prendi in mano la tua bandiera !/lo stendardo antico del Gran Mircì/ribalta questa calma sciroccosa/ che porta LISSA(melanconia)e genera apatia,riprendi in mano la tua Storia/ripensa in grande e fai la faccia dura/per ritornare ad essere regina/terra d’amore,lavoro e libertà.”
Antonio Cattinosax- Messina,

(Tratto da Fb)