Home ENTERTAINMENT 1° nazionale lungometraggio T u n d r a

1° nazionale lungometraggio T u n d r a

155
0
SHARE

 

A narrare  in una Roma desolante e senza più cinema aperti, ravvisiamo una bambina e una giovane ragazza, docilmente spaesata, che si apprestano a compiere una missione: il recupero di un raro vestigio, una pellicola contenente una inestimabile testimonianza poetica sulla magia del Cinema.

Per poter giungere a destinazione e fare propri i contenuti della preziosa poesia, utile a ridar vita ad almeno un cinema, sarà doveroso tornare dove quegli stessi cinema di un tempo hanno chiuso i battenti per far posto a multiplex e istituti del credito vari.
Vi hanno preso letteralmente dimora eterogenee forme di fauna umana che nelle loro eccentricità e idiosincrasie arrischiano nel ravvivare quei posti in avanzato stato di abbandono e degrado, rendendole spettatrici di forme di protesta, situazioni grottesche e surreali, vitali manifestazioni di natura artistica.

Le insegue un bizzarro detective filippino, intralciato da una maliarda femme fatale e da una lolita da strapazzo, che tenta, goffamente, di anticiparle nel ritrovamento dell’ambita pellicola.

Il detective scopre che le due sono dirette ad un cineclub abusivo nascosto ai margini della città, laddove un saggio precettore della bambina, custode del segreto (di uno o più segreti che coinvolgono una seconda bambina), possiede l’indispensabile esemplare di pellicola.

Una regista decide di documentare i fatti, ricostruendoli attraverso le testimonianze della ragazza, vettore all’alba di una nuova era.  

Perché Tundra? La tundra suggerisce ibernazione degli ideali per mezzo della desertificazione delle risorse creative, dell’abbandono nella bieca ottusità da slot-machine di certi uomini di potere, e può quindi suggerire un blocco, un gelo sentimentale, una tensione spasmodica dagli orizzonti velati, oltre i quali si cela la speranza di una ricostruzione.

Prima proiezione nazionale del lungometraggio “T u n d r a” al Delle Provincie d’Essai, in V.le delle Provincie, 41.
Proiezione h.21:00. Conferenza Stampa con Dibattito Moderato da Critico Professionista h.22:30.

Biglietto ingresso: 4 euro. 

regia di:

cast:

Giorgia PalmucciValentina BivonaAnna PiccoloFernando Di VirgilioEleonora TimpaniMaria Laura MoraciMarco BombaFederico Mattioni, Noli Sta Isabel, Ornella Lorenzano, Federica Colucci, Antonino Anzaldi, Susan Rose, Federico Baldini, Serena Bilanceri, Giga Imedadze, Marina Picardi, Gabriele Scopel, Irene Boncompagni, Sarah Paroletti, Sara Pallini, Chiara Laureti, Lorenza Caroleo, Flavia Lanni, Giacomo Chiaro, Giulia Iannaccone, Maria Luce Pittalis, Giorgia Barbieri, Valentina Belli, Massimiliano Belli, Sofia Turchetti

sceneggiatura:

fotografia:

montaggio: