Home MILAZZO24 NOSTOP Milazzo (ME) – La Giunta approva il Bilancio di previsione 2016

Milazzo (ME) – La Giunta approva il Bilancio di previsione 2016

33
0
SHARE

La Giunta municipale ha approvato il Bilancio di previsione 2016 e il Documento unico di programmazione (D.U.P.) 2016/18: la delibera, dopo la pubblicazione, passerà adesso al vaglio dei revisori dei conti; quindi della Prima Commissione consiliare per poi approdare all’esame del Consiglio comunale.
Nella stessa seduta l’Esecutivo ha anche approvato la delibera, con la quale il Comune di Milazzo aderisce all’associazione “Il cammino di Sant’Antonio”, che da qualche anno è impegnata a favorire un itinerario religioso dedicato ai fedeli del Santo di Padova collegante il Veneto con la Sicilia, avendo come riferimento proprio Milazzo, sede della chiesetta scavata nella roccia sul Promontorio del Capo ed intitolata a Sant’Antonio, un percorso di oltre 1500 chilometri. Dopo l’istituzione dell’esecutivo, la Consulta dello Sport definisce gli obiettivi e i ruoli dei gruppi di lavoro atti a esaminare i primi obiettivi emersi nel rilevare lo stato dell’arte di tutte le strutture sportive comunali partendo dalla proposta di un nuovo regolamento e lo stato di salute dello sport in città. Il Comune di Milazzo intende acquisire, nelle more della definizione della gara europea settennale, già incardinata dallo scorso settembre presso l’UREGA territoriale di Messina, manifestazioni di interesse finalizzate all’individuazione di disponibilità da parte di operatori economici interessati ad assumere il servizio di igiene urbana e conferimento a discarica autorizzata tramite ordinanza contingibile ed urgente in materia di igiene pubblica per il periodo 1 gennaio 2019 – 30 aprile 2019. L’indagine conoscitiva è finalizzata, esclusivamente, ad acquisire manifestazioni di interesse per favorire la partecipazione e la consultazione di un maggior numero di operatori interessati alla gestione del servizio.
L’importo posto a base d’asta è di euro 1.902.745,22 oltre IVA. La consulta dello sport milazzese, presieduta da Filippo Gitto e coordinata dal segretario Maurizio Foti, ha deliberato i gruppi di lavoro, che si occuperanno rispettivamente di determinare e accertare lo stato di salute attuale di tutte le strutture sportive comunali e di contribuire a redigere un nuovo regolamento di gestione delle stesse ed inoltre di rilevare la proposta dello sport in città. Per il primo gruppo di lavoro, denominato Strutture e Regolamento, è stato designato Franco Salamone, coordinatore delle attività coadiuvato da Carmelo Mastroeni, che avranno il compito di visitare tutte le strutture sportive per rilevare ogni criticità emersa in ordine di priorità producendo un attento stato dell’arte con l’obiettivo di portare tali evidenze in programma di interventi immediati. Un altro importante obiettivo sarà quello di esaminare una nuova proposta di regolamento di gestione delle strutture sportive comunali, che possa degnamente essere sostituita all’attuale in vigore, redatta nel lontano 1999, obsoleta nella forma e nella legislazione. Il secondo gruppo di lavoro, denominato Lo Sport in Città, sarà coordinato da Gianluca Stefanelli, coadiuvato da Sergio Minniti, e avrà il compito di esaminare e rilevare dati e statistiche di quanto proposto e offerto da tutte le associazioni sportive milazzesi. A questi gruppi di lavoro potranno aggregarsi o aderire tutti i componenti presenti o futuri che faranno parte della Consulta. L’Assessore allo Sport Pippo Crisafulli, presente all’assemblea, ha annunciato che l’Amministrazione comunale destinerà delle risorse finanziarie per gli interventi straordinari alle strutture sportive e sarà ben lieto accogliere le indicazioni rilevate dalla Consulta per avviare un programma di interventi condividendo azioni e tempi. “Vogliamo che lo sport sia considerato come un valore sociale da riservare, – ha affermato il presidente della consulta Filippo Gitto – in quanto è rappresentato da tutte le classi sociali esprimendo ogni eterogeneità nell’unico linguaggio internazionale, che non conosce diversità”.

Foti Rodrigo