Home TUTTO MESSINA MESSINA CULTURA FESTIVAL DELLA CRESCITA:MARIO TRIMARCHI, ARCHITETTO “RADICALE ROMANTICO”, TORNA NELLA SUA MESSINA

FESTIVAL DELLA CRESCITA:MARIO TRIMARCHI, ARCHITETTO “RADICALE ROMANTICO”, TORNA NELLA SUA MESSINA

63
0
SHARE

Si definisce un radicale romantico. E’ uno degli architetti più famosi del mondo. Basta guardare il suo curriculum vitae per capire quanta strada, partendo dalla sua Messina, abbia percorso Mario Trimarchi che domani, sabato 17 novembre, interverrà alla Camera di Commercio nel salone della borsa, nell’ambito del Festival della Crescita. Il suo intervento previsto per le 11,30 si intitola “Le radici Mediterranee del mio design”. Mario Trimarchi nasce a Messina. Si laurea in Architettura con Franco Purini, con cui collabora per alcuni progetti in Sicilia. Negli anni Ottanta si trasferisce a Milano, dove vive e lavora. All’inizio degli anni Novanta è direttore del Master in Design alla Domus Academy e in seguito dirige la DDA, joint venture tra Domus Academy e Mitsubishi,

alternando lunghi viaggi di lavoro in Giappone a un’attività di conferenze, lezioni e workshop in vari paesi del mondo. Nel 1999 fonda Fragile, studio di corporate identity, dove, parallelamente ai progetti di posizionamento strategico e di comunicazione per aziende e istituzioni, porta avanti la sua personale ricerca sul design. Ha fatto parte per quasi dieci anni di Olivetti Design Studio, dove progetta con Michele De Lucchi personal computer e cash dispenser. Nello stesso periodo studia come poter dare un volto domestico all’innovazione tecnologica, progettando concept design e prodotti per Philips, Siemens e Matsushita Denku. Dal 2005 al 2015 insegna Corporate Identity all’Università di Genova e dal 2013 tiene il Corso di Brand Design alla laurea specialistica in Product Design della Naba a Milano. Dal 2016 ricopre il ruolo di Design Advisor per Korea Craft & Design Foundation. Al via questo pomeriggio nel salone della borsa della Camera di Commercio di Messina il festival della Crescita che si protrarrà sino a domenica 18 novembre. Tre giorni di confronto, interventi, racconti di esperienze di imprenditori che hanno trovato la via del successo. Tutto con un unico obiettivo: trovare nuove strategie e nuove idee per rilanciare Messina e l’intera area dello Stretto.

“Se non raccontiamo a noi stessi e permanentemente chi siamo e cosa facciamo ogni giorno che passa, rischiamo di dimenticarlo, e il disfacimento diventa il nostro destino – spiega  il sociologo Francesco Morace, ideatore del Festival che sta girando tutto il paese- con Carmelo Picciotto, Presidente di Confcommercio Messina, il Festival ha coinvolto le imprese, le università, i licei e le istituzioni della città, che ascolteremo in Sala della Borsa insieme a testimonianze che da tutta Italia e altri luoghi della Sicilia dimostrano la possibilità di reagire alla crisi con inventiva e positività: dal caso Dusty con Rossella Pezzino de Geronimo, al social eating con Cristiano Rigon fondatore di Gnammo, dal Manifesto della Positività presentato da Tonino Esposito di Bright Side, fino al caso delle Feste Archimedee che con Edda Cancelliere ha già ospitato il festival a Siracusa nel 2016 e 2017. Le Università e le professioni verranno rappresentate tra gli altri da Stefano Moriggi dell’Università Bicocca di Milano, dal linguista Massimo Arcangeli curatore di festival culturali nell’intera penisola, dal messinese Mario Trimarchi, designer e architetto di fama internazionale che a Milano ha trovato la sua consacrazione”.

Questa sera alla fine della prima giornata di confronti, nel salone della borsa della Camera di Commercio, si assegnerà il premio della crescita, un progetto che ha coinvolto tutte le scuole della provincia. La giuria del festival premierà gli elaborati più “visionari” degli studenti.

 

“Speriamo che il Festival- spiega Carmelo Picciotto presidente di Confcommercio- possa rappresentare un piccolo contributo al risveglio di Messina che appare ormai urgente e necessario”.

 

Programma e moduli di iscrizione per la partecipazione al Festival sono scaricabili al sito www.festivalcrescita.it

Il progetto del Festival della Crescita, dalla prima tappa (ottobre 2015) a oggi, ha raggiunto 30 città italiane, continuando a mettere a fuoco progetti di innovazione, attivando connessioni tra università e imprese, cittadini e istituzioni, studenti e progettisti. Il Tour 2018, prima di Messina, ha raggiunto le seguenti città: Lecce (22 febbraio), Rovereto (13 marzo), Trento (14 marzo), Siena (6 aprile), Roma (12 e 13 aprile), Castelfranco Veneto (15 aprile), Napoli (3 e 4 maggio), Rimini (22 giugno), Piacenza (20 settembre), Parma (22 settembre), Vicenza (5 ottobre) Milano (dal 18 al 21 ottobre) e Sassuolo (26 ottobre).