SHARE

 

DATECI, ANCHE,  GLI AUTOBUS PRIVATI COSI’ NON POSSIAMO ANDARE AVANTI

LACRIME E SANGUE – MA I RAGAZZI DEBBONO FREQUENTARE LE SCUOLE.

 

Si segnala, agli Organi in indirizzo, il grave disservizio ai cittadini, ricadenti a nord del Comune di Messina, in merito alla mancanza di corse che collegano i villaggi della riviera nord con il centro cittadino. Infatti da diversi giorni lavoratori e studenti hanno difficoltà a raggiungere in tempo i posti di lavoro ed ancora di più di garantire il diritto allo studio per tutti gli studenti impossibilitati di poter raggiungere le rispettive scuole e rincasare in sicurezza.

Per tali motivi si sollecita un urgente intervento da parte delle Autorità in indirizzo al fine di garantire il diritto allo studio ed alla libertà di movimento diversamente inficiata dagli ultimi provvedimenti che di fatto tagliano fuori l’intero territorio della estrema riviera nord.

Pertanto chiedo, nella qualità di consigliere circoscrizionale, autorizzare le ditte private provenienti da Capo D’Orlando, Sant’Agata Militello, Milazzo e Saponara a raggiungere la città, tramite la strada statale 113/dir., come veniva fatto fino agli anni 80, visto che attualmente gli autobus giunti a Ponte Gallo si immettono sulla tangenziale per raggiungere Messina.

Chiedo, inoltre, al Presidente dell’ATM  di trasferirsi nel villaggio San Saba e frequentare tutti i giorni l’istituto scolastico Francesco Petrarca di Ganzirri per rendersi conto della grave situazione che si è determinata. Non voglio creare allarmismo e non  fare polemiche, ma prima vengono i ragazzi. Grazie.