SHARE
www.ilsitodisicilia.it

Un muro di sabbia blocca l’ingresso del porto di Tremestieri a Messina. Lo scirocco dello scorso fine settimana ha portato poco più di 50 mila tonnellate di sabbia nella rada in cui approdano le navi che fanno la spola con Villa San Giovanni per trasferire i mezzi pesanti, ora costretti a entrare in città se devono attraversare lo Stretto. La forza dello scirocco ha spostato in mare un tetrapode (struttura frangiflutti) di 6 tonnellate, rotolato all’imboccatura del porto.

L’Autorità portuale ha già chiamato una draga che per ora si trova a Chioggia e che, tempo permettendo, impiegherà non meno di 96 ore a giungere in riva allo Stretto.Nel frattempo, nessuno potrà entrare o uscire dal porto e , di conseguenza, tutto il traffico gommato pesante sarà ancora, per almeno una settimana, trasferito in città, con pesanti ripercussioni per la viabilità urbana.

«Stiamo facendo di tutto per accelerare i tempi e avviare i lavori – ha precisato l’assessore ai Lavori pubblici Salvatore Mondello -. Abbiamo condiviso il protocollo di legalità che vogliamo siglare prima di avviare i lavori con la Prefettura ed ora con la Nuova Coedmar».

rge affrontare adesso l’annosa problematica dei tir in città che negli ultimi giorni si stanno rivedendo con più frequenza in pieno centro!”. Il consigliere comunale Libero Gioveni riaccende i riflettori su un tema che negli ultimi periodi, per ovvie ragioni, è stato quasi dimenticato, ma che invece necessita essere subito affrontato a garanzia della pubblica sicurezza. “Negli ultimi giorni – denuncia Gioveni – in particolare sul viale Europa e sul viale Boccetta si stanno rivedendo molti più mezzi pesanti del previsto, che evidentemente la fanno in barba alle vigenti ordinanze di interdizione. Nelle more di vedere finalmente realizzato il nuovo porto di Tremestieri che dovrebbe cancellare del tutto questo “obbrobrio” – prosegue il consigliere – occorre ricercare nuove soluzioni che possano contrastare questo perenne e pericoloso fenomeno dell’invasione dei tir a tutte le ore del giorno! Certamente apprezzabile l’atto di indirizzo prodotto dal sindaco sulla reintroduzione dell’ecopass