Home BABILONIA Il femminicidio rimosso di Desiree di Claudia Daconto

Il femminicidio rimosso di Desiree di Claudia Daconto

90
0
SHARE

In Italia ci sono organizzazioni che promuovono manifestazioni per marciare sul corpo violato, martoriato, ucciso di una ragazzina di 16 anni. E che le pubblicizzano con manifesti degni solo dei propri riferimenti culturali. Riferimenti fascisti, sessisti, negazionisti.

Allora non basta più chiedere di impedire quella manifestazione. Bisogna ottenere la messa fuori legge di quelle organizzazioni. E però una responsabilità forse ce l’abbiamo anche noi. In questi giorni abbiamo giustamente posto l’accento sul degrado di molti contesti urbani romani e di alcune zone di un quartiere pieno di storia e bellezza come San Lorenzo.

Peccato si sia parlato meno di Desiree, dello stupro che ha subito, del suo assassinio. La violenza su questa ragazza è passata in secondo piano. Quasi rimossa. Ma Via dei Lucani non è solo una storia di degrado e di sgomberi. Via dei Lucani è soprattutto la storia dell’ennesimo femminicidio. Peccato che a ricordarcelo sia stata proprio Forza Nuova.

Claudia Daconto