SHARE

Anche  con il possibile rischio di pioggia, i messinesi non hanno fatto mancare la loro fede in Maria; anche quest’anno tanta la gente tra tiratori ma anche nelle strade ad attendere il passaggio della macchina votiva che appena è partita veniva trascinata tra ali di folle lungo la strada che la portava da Piazza Castronovo fino al Duomo una devozione che anni dopo anni e sempre più forte. Tutto è  andato bene dall’inizio fino alla fine, in ogni aspetto, anche le pause più attese la preghiera al viale Boccetta consueta con Monsignor D’Arrigo e la tanta attesa e spettacolare girata in via I settembre.

Presenti il sindaco Cateno De luca insieme alla sua giunta comunale e tanti consiglieri comunali in primis il suo presidente. All’arrivo in piazza duomo in addobbata a festa e piena di messinesi. il consueto saluto dell’arcivescovo Arcola a Maria e a tutti i messinesi ha ricordato come fondamentale sia per ogni cristiano essere devoti di Mari.

L’ edizione 2018 della Vara è la prima a cui partecipa il neo sindaco Cateno De Luca e il Prefetto Maria Carmela Librizzi. Il sindaco di Messina, la cui devozione è nota, è presente alla processione insieme alla sua squadra di assessori. La richiesta che il primo cittadino rivolge alla Madonna è quella di avere grande forza e perseveranza nell’amministrare al città, cioè “capacità di discernimento tra ciò che è giusto e possibile fare per la città di Messina”.

Tanta emozione anche nelle parole del Prefetto, che quest’anno segue dal vivo la processione insieme all’Arcivescovo di Messina: “La Vara è una grande festa di popolo, quest’anno ho deciso di vederla insieme alla gente. Invito tutti a farlo”. Dopo la discesa dal ceppo della Vara del simulacro della Dormitio Virginis, in cattedrale è stata officiata una Santa Messa. La festa si è ufficialmente conclusa con lo spettacolo pirotecnico, eseguito dalla stele della Madonnina del porto.

 

E.M