Home PANORAMA ITALIA SECONDO L’ISTAT L’ITALIA MIGLIORA SOLO IN ALCUNI SETTORI

SECONDO L’ISTAT L’ITALIA MIGLIORA SOLO IN ALCUNI SETTORI

1416
0
SHARE

L’Italia presenta un miglioramento soltanto in alcuni settori, ma mantiene un grande divario rispetto agli altri Stati europei. Si ripete ancora una volta il divario nel nostro paese tra sud e Nord in termini di progresso e povertà.

Il quadro sociale che viene fuori dal rapporto dell’Istat ‘Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo’. Al Sud ci sono più poveri, ma al Nord la situazione è molto catastrofica. Tra il 2015 e il 2016 la quota delle famiglie che vanno avanti sotto la soglia della povertà è rimasta ‘’stabile”, confermando inoltre “il grande divario del Mezzogiorno”.

Da questa analisi emerge un aumento del numero dei poveri: dal 18,7% del 2015 al 20,7% del 2016. E, cosa che può apparire come una sorpresa, l’intensità della povertà assoluta è più marcata al Centro Nord (dal 18,0% al 20,8%) rispetto al Mezzogiorno (dal 19,9% al 20,5%).

Nel meridione la disoccupazione tocca oltre il 50%. Secondo le ricerche Istat sulla disoccupazione giovanile prendendo in considerazione il rapporto ‘Noi Italia’, si evidenzia che i livelli toccati nel Mezzogiorno (51,4%; 55,6% tra le ragazze) e in particolare nella zona calabra sono fra i più disagiati.

Infatti proprio in Calabria si regista una quota di disoccupazione che arriva in media al 55,6% (47,8% per i maschi e 69,2% per le ragazze). Questa analisi dettagliata condotta a livello nazionale mostra delle divergenze non sono solo geopolitiche ma anche di genere. Infatti si evince che le donne sono quelle che hanno difficoltà a trovare una semplice occupazione o un normale impiego.

<>

by Girolama Gaziano