Home MY ART MAYA PACIFICO E LA SUA ARTE

MAYA PACIFICO E LA SUA ARTE

1708
0
SHARE
Nelle mani dell’artista un materiale fragile ed effimero come la pagina di un libro diventa materiale per creare originali sculture: La carta è duttile, viva e vibrante.

MAYA PACIFICO

Le sue creazioni tridimensionali danno vita a volumi lamellari dall’architettura complessa e nascono dalla sovrapposizione di strati di pagine dalla delicatezza impalpabile, che l’artista ottiene con un’infinità di tagli manuali e piegature, realizzati con l’estrema perizia tecnica dello scultore. Maya Pacifico – “costruisce grandi superfici accostando singoli moduli la cui base è costituita da telai che fungono da supporto per il materiale cartaceo rivelandoci il potenziale espressivo nascosto”, – dal punto di vista della percezione sensoriale, di una materia segnata dal tempo e dall’usura come le pagine di un vecchio libro. Le superfici così ottenute simulano forme organiche come una distesa di paglia o un prato mosso dal vento e sono animate da un dinamismo interno rivelato dalle sfaccettature delle centinaia e migliaia di leggere lamelle che intrappolano le cangianti sfumature cromatiche della luce e dell’ombra. La continua sperimentazione con quest’unico materiale l’ha portata a creare nuove forme come le pagine tagliate in forma di piuma che ricoprono un uovo o gli aculei appuntiti che formano una foresta di geometria piramidale che è stupefacente per la potenzialità strutturale e tattile.

Attraverso questo processo l’artista produce pezzi unici perché le pagine, sempre diverse, diventano un’unica opera irripetibile, una costruzione leggera in equilibrio tra materiale e immateriale, che si presta a continui sconfinamenti in altri ambiti: dall’architettura al design, dall’arredamento alle soluzioni scenografiche per allestimenti per fiere e mostre internazionali. Maya Pacifico ha esposto in importanti spazi pubblici e istituzioni museali, sia in Italia che all’estero: da Expo 2015 a Milano, alla London Biennale, Dal museo Pan di Napoli al museo Vittoria Colonna di Pescara, Da Palazzo Medici Riccardi a Firenze, alla Biblioteca Angelica di Roma, Dal Castello Aragonese di Ischia e Castel dell’Ovo di Napoli, alla Biennale di Pechino.

 

<>

Maya Pacifico (Napoli)

mayapacifico@gmail.com