L’effetto Mozart secondo la scienza

Il cosiddetto 'effetto Mozart' è ancora in fase di discussione nel mondo scientifico. E’ possibile  utilizzarlo per malattie come il morbo di Alzheimer? Sviluppa l'intelligenza nei bambini? Il professor Manuel Martin-Loeches(*), psicobiologo presso l’Università di Madrid e responsabile della sezione di Neuroscienze Cognitive del Centro UCM-ISCIII per l'evoluzione umana e il comportamento, ne ha analizzato le sue caratteristiche.

Nel 1993, tre ricercatori del Centro per la Neurobiologia dell'apprendimento e della memoria presso l'Università della California a Irvine hanno pubblicato un documento sulla prestigiosa rivista 'Nature'. L’articolo musicale, nonostante occupasse meno di una pagina, ha segnato l'inizio di ogni fenomeno scientifico e sociale senza precedenti. I ricercatori hanno esposto a tre gruppi diversi la proposta. Un gruppo ha ascoltato per dieci minuti la Sonata per due pianoforti in re maggiore (K448) di Mozart. Un altro gruppo ha ascoltato una registrazione con istruzioni di relax per dieci minuti mentre il terzo gruppo è rimasto, per lo stesso tempo, in una situazione di totale silenzio. Terminata questa fase, i soggetti dovevano svolgere compiti per misurare la loro intelligenza spaziale. I risultati sono stati sorprendenti. I soggetti che hanno ascoltato la Sonata di Mozart hanno ottenuto punteggi significativamente migliori nei test di intelligenza spaziale rispetto agli altri due gruppi. La conclusione è ovvia: l'ascolto di Mozart è molto favorevole per la nostra prestazione intellettuale, in particolare in compiti di ragionamento spaziale. L' 'effetto Mozart' è nato per la scienza.
 Epilessia e il morbo di Alzheimer

Uno studio seguito da molti ricercatori. Con grande interesse, si è scoperto che i pazienti con epilessia grave avevano un minor numero di scariche epilettiche pochi minuti dopo aver ascoltato Mozart, o in pazienti con malattia di Alzheimer al fine di migliorare le prestazioni in compiti di intelligenza spaziale. Un altro risultato ottenuto è stato nei bambini di età compresa tra i 3 e i 12 anni che hanno notevolmente migliorato le loro capacità di ragionamento spaziale se avevano ascoltato lezioni di musica, soprattutto se i materiali didattici utilizzati erano preferibilmente brani di Mozart. In base alla quantità di dati accumulati, erano sempre più consapevoli delle virtù di ascolto di Mozart ma meglio conoscevano i loro limiti. Gli effetti della musica di Mozart su altri compiti, come ad esempio compiti di memoria, l'attenzione e la fluidità verbale, erano praticamente nulli. Inoltre, è stato sempre più evidente che gli effetti erano solo temporanei, poiché l'effetto non ha mai durata oltre qualche minuto. Nei bambini che hanno ricevuto lezioni di musica potremmo parlare  di effetti più duraturi, ma in ogni caso le differenze con i bambini che non ricevono questo tipo di educazione sono limitate ai primi giorni. Sono state inoltre definite quali siano state le caratteristiche che hanno reso la musica di Mozart un modo ideale per ottenere questi effetti. Dopo aver verificato che altri tipi di musica, tra cui il 'pop' degli anni '30 o la musica di rilassamento, non ha avuto effetto, si è concluso che le composizioni musicali per essere efficaci dovrebbero essere sufficientemente lunghe e complesse.  La ripetizione effettuata dopo circa 20 o 30 secondi con composizioni ripetitive e monotone non hanno causato l'effetto Mozart. Inoltre sono emerse spiegazioni fisiologiche del fenomeno. La prima proposta è stata la somiglianza tra la musica di Mozart e l'attività neuronale in termini di frequenza di attivazione e variazioni spazio-temporali. Ben presto ha cominciato ad emergere un'altra opzione, forse complementare alla prima, secondo la quale la musica di Mozart può stimolare aree del cervello rispetto ad altri tipi di musica. Questo è stato dimostrato in un esperimento in cui si è riscontrato che vari tipi di composizioni musicali hanno attivati la corteccia uditiva e altre aree cerebrali legate alle emozioni, la musica di Mozart era l'unica che ha attivato non solo le stesse zone, ma altre come quelle coinvolte nella coordinazione motoria o visiva. Quest'ultima analisi ha deluso degli amanti della musica di Beethoven con il lavoro per Elisa incluso nell'esperimento.

 Espressione genica

L ' 'effetto Mozart' è stato anche effettuato sui ratti. Questi animali esposti alla musica di Mozart   prima della nascita, ancora nel grembo materno, e continuando a stimolarli fino all'età di 60 giorni,  sono risultati più veloci nel  memorizzare come muoversi in un labirinto. Ancora una volta, il compito è spaziale. Ma più rappresentativo è stato il fatto che i ratti che avevano ascoltato Mozart avevano nei loro cervelli il progresso della espressione di alcuni geni essenziali per lo sviluppo neurale che entra in gioco in modo significativo durante i processi di formazione e geni di memoria.

Cambiamenti cognitivi

Le scoperte e gli stessi ricercatori che hanno pubblicato l'articolo del 1993, comparandolo con altri lavori giungevano a conclusione che l ' 'effetto Mozart' non esisteva. Alcuni studi erano in disaccordo o addirittura l'esperimento originale nel 1993, aveva cominciato a manifestare criticità e scetticismo sull' 'effetto Mozart'. Si iniziò con l’affermare, per esempio, che l'effetto è dovuto a sbalzi di umore causati dalla musica. Ascoltare Mozart può indurre uno stato d'animo positivo in alcuni soggetti e di conseguenza nel campo lavorativo si rende molto di più. Quindi, se questa situazione emotiva non è stata raggiunta in alcuni soggetti, l'effetto Mozart non si evidenzia. Tuttavia, tali spiegazioni erano difficili da attribuire agli studi condotti sui ratti. Ma l'intelletto degli scienziati è sempre ampiamente attento. Nei ratti durante lo sviluppo è comunque un classico che 'ambienti arricchiti' con altalene, ruote panoramiche e altri giocattoli causano attività cognitive e nel cervello cambiamenti simili all’effetto  Mozart. Allo stato attuale delle cose, dal punto di vista scientifico, l’effetto Mozart è equivalente a quanto accade con gli effetti dei campi magnetici sulla salute. Ci sono studi pro e contro l’'effetto Mozart'  e la presenza e l'assenza di conclusioni può essere dovuta a molti fattori, ancora da definire. In parallelo con questa storia scientifica, è arrivata un'altra storia più suggestiva. Il francese Alfred Tomatis anni verso la metà degli cinquanta del secolo scorso aveva notato gli effetti benefici della musica di Mozart nel trattamento di bambini con problemi di ogni genere, in particolare l'apprendimento. Nel 1991 aveva pubblicato il libro “Pourquoi Mozart?”, ma il lavoro mancava di rigore per essere preso sul serio. La pubblicazione del lavoro nel 1993 sulla prestigiosa rivista “Nature” sembrava scientificamente approvare e supportare le idee di Tomatis e Don Campbell, decise di registrare il marchio “L'effetto Mozart”® e pubblicare un bestseller con  cui gridare ai quattro venti l'infinita bontà di ascoltare Mozart. Essi non si limitano a compiti di ragionamento spaziale e solo per pochi minuti. Ma piuttosto il contrario.

Questioni empiriche

L'effetto Mozart ha migliorato la vita in tutti i modi: ha migliorato intelligenza delle persone, le ha rese più sane, più giovanili. Nei bambini, l'effetto è stato ancora più straordinario E così, il successo si è diffuso in tutto il mondo. Soprattutto negli Stati Uniti, dove oltre la diffusione di programmi elettorali alcuni politici contemplano l'acquisto di “CD” Mozart per tutti gli asili e le scuole, e in alcuni stati come la Florida è diventato obbligatorio per i bambini più piccoli ascoltare musica classica ogni giorno nelle scuole pubbliche. Sarebbe eccellente se l'effetto Mozart fosse autorevole ed autentico come lo è stato per Campbell. Il problema è che non ci sono studi scientifici a sostegno di tali affermazioni. Comunque in ogni caso, ascoltare musica di Mozart non può fare del male a nessuno.

Condividi
26/02/2017 17:00:00 - Pubblicato da Santino Camonita
Torna indietro
ULTIME NOTIZIE

Terme Vigliatore (ME) - Vibrante trionfo per il «Ferragosto all’italiana»
16/08/2017 17:00:00

Le sinergie giovanili non solo superano gli atavici campanilismi, ma possono essere forieri d’una ottimizzazione t...

Aci Castello (CT) - Disputata la seconda tappa del “Miss Beauty Award”
15/08/2017 21:20:00

La bellezza femminile ha molteplici sfaccettature ed oggigiorno presenta il suo fascino durante tutte le sue età:...

Milazzo (ME) - Chiusa al traffico per ordinanza del Sindaco piazza ‘Ngonia nel week-end
11/08/2017 17:40:00

Il Sindaco Giovanni Formica ha firmato un’ordinanza con la quale dispone che per tutto il mese di agosto dalle o...

Milazzo (ME) - Capodoglio spiaggiato, recuperato e conservato lo scheletro per finalità di studio
10/08/2017 19:10:00

Si è conclusa positivamente la vicenda legata allo spiaggiamento del Capodoglio arenatosi lo scorso 23 giu...

Messina - Lucrezia Pappalardo eletta “Miss Bedda del Sud”
09/08/2017 01:00:00

      Il termine siciliano “bedda” racchiude in sé molteplici qualità posi...

Internet, giovani navigatori: siti pornografici i più cliccati
08/08/2017 20:00:00

    Secondo quanto emerso da un’indagine Kaspersky Lab, i baby navigatori della rete concentrano mag...

Quando il tempo non scalfisce volontà ed impegno
05/08/2017 19:00:00

Era un lontano 1986 ...quando a Patti, provincia di Messina, prese vita una piccola azienda di trivellazioni a conduzi...

La disoccupazione giovanile in Italia e Europa
22/07/2017 14:30:00

Secondo i dati provvisori dell’Istat, il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) a gennaio è stato p...

Origini e significato di un proverbio: “Chi dorme non piglia pesci”
03/07/2017 23:30:00

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE ...

Aiuta il tuo cuore mangiando una tazzina di pistacchi al giorno
03/07/2017 20:30:00

    Nell’antica Persia, coloro che si amavano avevano l’abitudine d’incontrarsi sotto gli ...



qui colonna
Javan24 Italia - Uno sguardo al mondo
Area administrator  -  ActiveNet. Copyright © 2009-2017 Javan24.it  - Tutti i diritti riservati