La Grande Guerra Patriottica

Il 9 maggio, 150 aerei militari russi strisceranno nel cielo di Mosca, 16.000 truppe marceranno attraverso la Piazza Rossa e saranno messi in bella mostra tre missili balistici intercontinentali, tutti nella celebrazione del 70 ° anniversario della vittoria dell'Unione Sovietica sulla Germania nazista. Vladimir Putin, il leader nazionale con un rapido sviluppo del culto della personalità, rivendicherà la proprietà russa delle più importanti festività sovietiche, parlerà della continua lotta russa contro il fascismo (in Ucraina) e dei tentativi del suo sponsor (America) d’imporre il suo dominio nel mondo.
Non ci saranno i leader dell’America, Francia, Gran Bretagna e Germania. Putin potrebbe essere affiancato dal cinese Xi Jinping, anche se è più probabile che ci siano alcuni altri notabili. Come dice Andrei Zorin, uno storico culturale russo, l’astensione dei leader occidentali sarà vista dai russi come una conferma della loro continua lotta contro l'Occidente.
I sentimenti d’isolamento e d’aggressione alimentati dal Cremlino nella ricorrenza del giorno della vittoria, non potrebbero essere più diversi da quelli che regnavano a Mosca nelle prime ore del 9 maggio 1945, quando migliaia di persone si baciavano e ballavano per le strade in un scoppio spontaneo di gioia e di libertà, mescolato con il dolore per la morte di 27 milioni di compatrioti. Le persone sventolavano la bandiera americana e inglese, molti sono andati all'ambasciata americana ad abbracciare gli alleati. “Alcuni presero un soldato straniero e lo sollevarono in aria - ricorda Inna Solovyova, una studiosa russa che all’epoca aveva 15 anni - E’ stata una giornata veramente felice. E’ stata la vittoria del popolo, di ognuno di noi”. Combattere contro il fascismo è stata un'esperienza liberatoria per le persone che erano terrorizzate da Stalin; il dittatore, lui stesso posseduto dalla paranoia, aveva troppa paura d’uscire sulla Piazza Rossa, solo in serata apparve in cielo un vasto striscione illuminato con la sua faccia.
Stalin non ha lasciato che i russi si godessero a lungo la vittoria; un anno dopo è iniziata una nuova ondata di repressione. Nel 1948 le celebrazioni del Giorno della Vittoria sono state cancellate del tutto. I sentimenti di libertà e di compassione, ispirati dalla vittoria, non dovevano essere incoraggiati. Per evitare di ricordare le impressionanti perdite, i veterani, che una volta costellavano le strade di Mosca, furono spediti fuori in un antico monastero su un'isola. Stalin temeva che le celebrazioni della vittoria avessero potuto aumentare la popolarità dei comandanti militari sovietici, come il maresciallo Georgy Zhukov, che firmò la resa della Germania insieme agli alleati.
Le celebrazioni ufficiali ripresero solo nel 1965, un anno dopo la caduta di Nikita Krusciov. A quel punto, la maggior parte dei comandanti militari erano troppo vecchi per rappresentare una sfida. Zhukov era stato messo da parte. I leader sovietici che sono arrivati al potere dopo il colpo di stato contro Krusciov, usavano il Giorno della Vittoria per rafforzare la loro legittimità. Era l'unica festa sovietica che unificava i disaccordi tra le persone normali e i loro leader, e, mentre il ricordo della guerra è stato utilizzato dal Cremlino per affermare il potere sovietico, è servito anche come un comune denominatore per i leader sovietici e americani.
Putin s’è appropriato dell'iconografia del Giorno della Vittoria, insieme ad altri simboli sovietici, per affermare il dominio dello Stato russo e il suo posto nel mondo. I leader occidentali vennero da lui coinvolti, facendoli partecipare alle celebrazioni destinate a segnare la rinascita del paese dopo il crollo sovietico. Un decennio più tardi, la memoria della seconda guerra mondiale è stata cinicamente sfruttata dal Cremlino come pretesto per l'annessione della Crimea e la guerra in Ucraina.
Durante la seconda guerra mondiale, gli ucraini sono finiti su entrambi i lati delle linee. I nazionalisti ucraini occidentali, che volevano l'indipendenza con la Germania nazista, hanno lottato contro gli ucraini che erano al servizio dell'esercito sovietico. Per gran parte della storia post-sovietica ucraina queste divisioni erano rimaste dormienti; ma il fallimento dei passati governi ucraini per costruire uno stato-nazione ha permesso al Cremlino d’utilizzare la storia come un’arma.
La televisione di stato russa ha descritto, i moderni ucraini filo-europei che cacciarono il loro corrotto e autoritario presidente Viktor Yanukovich, come nazionalisti, collaboratori dei nazisti e che stessero progettando d’annientare i russi in Crimea. Hanno creato storie false, come la crocifissione dei bambini o la mostra di un soldato russo con in mano un piccolo bambino crimeano, facendo riferimento alla gigantesca statua del Soldato liberatore Sovietico eretto a Berlino nel 1949.
Ma dopo una guerra che dura oltre un anno contro l'aggressione russa, l'Ucraina è ancora in lotta per celebrare la vittoria sovietica sul fascismo. Un recente spot pubblicitario ucraino si apre con un passaggio di un aereo modello sovietico in una zona di luce soffocata; squilla un telefono; un ragazzo da una base militare chiama e chiede di parlare con il nonno, un veterano dell'Armata Rossa. “Buon giorno, buona Festa della Vittoria, nonno - esclama il ragazzo, che indossa un elmetto, mentre in lontananza, attraverso la finestra, s’intravede un nebbioso campo di battaglia - “Gloria all’Ucraina” - risponde il nonno, facendo riferimento alla lotta in corso in Ucraina.
Per conciliare il passato sovietico ucraino con il suo futuro europeo, il presidente Petro Poroshenko, ha annunciato che quest'anno il paese onorerà sia la celebrazione della vittoria occidentale l'8 maggio, che il Giorno della Vittoria sovietico, il 9 maggio. Il nastro nero-arancio tradizionale russo di San Giorgio è stato cambiato con il papavero britannico. Alexei Navalny, il leader dell'opposizione russa, sostiene che il “progetto” di Putin ha distrutto ogni speranza di un grande mondo russo costruito su ricordi comuni. Anche Alexander Lukashenko, il dittatoriale presidente della Bielorussia, ha deciso di celebrare separatamente la Giornata della Vittoria.
La visualizzazione delle più recenti armi russe dovrebbe essere seguita da un corteo di 100.000 persone con in mano le fotografie di coloro che sono morti in guerra. Eppure le idee diffuse dal Cremlino sembrano stranamente simili a quelle che i soldati sovietici hanno sconfitto 70 anni fa. Vladimir Medinsky, il ministro della cultura russo, ha recentemente sostenuto che la visione russa della sua storia non deve essere accettata dalla “umanità civilizzata”. - Mi permetto di ricordare, che questa umanità civilizzata è civile solo nella misura in cui il popolo sovietico e il soldato sovietico erano costretti ad esserlo nel 1945. E’ il momento di formulare la nostra percezione come i discendenti di una grande e unica civiltà russa.
Per tutti l'unicità della cultura russa, la celebrazione del Giorno della Vittoria, proprio come la guerra in Ucraina, sono state confezionate in tema patriottico per il consumatore finale.
- Celebrare il 70 ° anniversario della Vittoria con “Wargaming” - pubblicizza un creatore di giochi per computer - Il gioco “World of Tanks” consente d’utilizzare i veicoli blindati meglio che ricordare l'atto eroico del nostro popolo nella Grande Guerra Patriottica.
Le guerre virtuali russe hanno conseguenze reali. Alexei Levinson, un sociologo, scrive che “in questa luce dalla morale anestetica, il paese si sta abituando ad azioni che solo poco tempo fa sembravano impensabili e impossibili”. I sondaggi d’opinione mostrano che il 90% dei russi sono disposti a discutere di una possibile guerra nucleare; mentre il 57% dei russi più anziani sostengono che una tale guerra non possa avere vincitori; il 40% dei più giovani sono convinti che la Russia potrebbe sconfiggere l'America e la NATO. Come Levinson sostiene: “Una vera e propria guerra comincia ad assomigliare ad un programma televisivo o ad un gioco di computer in cui si dispone di dieci vite di riserva”.

Condividi
02/05/2015 14:00:00 - 
Torna indietro
ULTIME NOTIZIE

Milazzo (ME) - Sblocco iter area ex “Le Cupole” e presenza troupe di “Geo & geo”
24/11/2017 18:20:00

  Compiacimento è stato espresso dagli Assessori Piera Trimboli e Damiano Maisano e dal capogruppo consilia...

Milazzo (ME) - Notificato il decreto di finanziamento per i lavori alla chiesa di San Papino
22/11/2017 18:05:00

Con decreto n. 2700 del 13 novembre scorso il dirigente generale dell’Assessorato regionale delle Infrastrutture F...

Milazzo (ME) - Online il nuovo sito del Comune
22/11/2017 18:00:00

Una lunga fase di testing, ancora non completamente ultimata, un restyling del vecchio sito, un progetto al futuro. &Egr...

Montalbano Jonico (MT) - «Ora mi rilasso», coinvolgente brano d’impegno di Lex
18/11/2017 22:10:00

La musica esprime il proprio io con i suoi sentimenti e le sue aspirazioni attraverso sonorità, la cui evoluzione...

Milazzo (ME) - La Giunta approva la nuova dotazione organica
17/11/2017 21:55:00

Nell’ultima seduta la Giunta municipale ha approvato la rideterminazione della dotazione organica ed il programma ...

Milazzo (ME) - Impianti sportivi e canone da pagare, la posizione dell’Amministrazione
15/11/2017 15:15:00

In merito alla questione circa il pagamento del canone degli impianti sportivi, che sta tenendo bando in questi giorni e...

Milazzo (ME) - Consiglio comunale approva due mozioni del consigliere Antonio Foti
10/11/2017 21:10:00

Il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità due mozioni presentate dal consigliere Antonio Foti relati...

Milazzo (ME) - Visita dell’ambasciatore del Congo al Comune
10/11/2017 13:30:00

  L’ambasciatore della Repubblica democratica del Congo Albert Tshiseleka Felha è stato questa mattin...

A Milazzo la 1° prova del campionato Italiano Karting
09/11/2017 13:25:00

  Torna l’appuntamento col karting nelle strade del centro cittadino: infatti, nei giorni del 18 e 19 novemb...

Milazzo (ME) - Asse viario e limiti di velocità, intervento del comandante della polizia municipale
01/11/2017 21:10:00

Con riferimento ad alcune notizie apparse su un sito on line in merito ai limiti di velocità sull’asse viar...



qui colonna
Javan24 Italia - Uno sguardo al mondo
Area administrator  -  ActiveNet. Copyright © 2009-2017 Javan24.it  - Tutti i diritti riservati