Mosca e nuovi territori di sviluppo economico

Il governo russo sta valutando la costruzione di un nuovo collegamento fluviale che colleghi il Mar Caspio al Mar Nero tramite il mare d’Azov. Il nuovo percorso dovrebbe rappresentare il tragitto più breve e il modo più economico per il trasporto delle merci cinesi, attraverso l'Asia centrale, all'Europa. Gli esistenti oleodotti e gasdotti che partono dal Mar Caspio verso i mercati esterni sono arrivati al limite delle loro capacità, esplorare nuovi canali per esportare petrolio e gas, è l’altro importante aspetto del progetto. I paesi dell'Asia centrale sono considerati come i principali beneficiari dei nuovi collegamenti, con il Kazakistan come il suo più ardente sostenitore. Si ritiene che il nuovo collegamento consentirà d’accrescere le stagnanti economie del Caucaso del Nord, la creazione di nuovi posti di lavoro, un migliore accesso ai mercati mondiali e agli investimenti. La Banca di sviluppo eurasiatico ha assegnato 2,7 milioni di dollari per uno studio di fattibilità del progetto, i cui risultati sono stati discussi a porte chiuse con il ministero dei trasporti russo.
Il proposto collegamento fluviale, comunemente indicato come il “canale Eurasia”, andrebbe ad incedere in modo significativo sulla situazione economica e politica del Caucaso del Nord e della Russia meridionale. La parte sud russa ha un notevole potenziale agricolo e certamente è d’interesse per gli investitori cinesi. L'accesso degli investitori cinesi nel Caucaso del Nord potrebbe migliorare notevolmente l’economia locale e ridurre la  dipendenza dai sussidi di Mosca. Come regola generale, il governo russo preferisce il controllo dello sviluppo, a meno che il governo non sia rassicurato che non esista alcuna minaccia per il controllo del Caucaso del Nord.
Costruire un canale che colleghi i fiumi Terek, Kuma e Kuban presenta un impegno economico di più di 17 miliardi di dollari, cifre inaffrontabili per la Russia e il Kazakistan nella loro attuale situazione economica. Il nuovo canale di 740 chilometri sarebbe quasi la metà del percorso dell’esistente canale Volga-Don, che è lungo 1074 km. La portata del nuovo sarebbe di 75 milioni di tonnellate l'anno, rispetto ai 16,5 milioni di tonnellate di quello del Volga-Don. Il canale Volga-Don è limitato alle navi che pesano 5.000 tonnellate o meno, mentre il canale Eurasia avrebbe un limite di 10.000 tonnellate; per il clima più caldo, il canale Eurasia sarebbe operativo 10-11 mesi all'anno, rispetto ai 7-9 mesi del canale navigabile Volga-Don. Sono stati esplorati diversi metodi per collegare il Mar Caspio e il Mar Nero, il canale Eurasia sembra essere il più costoso, mentre la costruzione di un allungamento del canale Volga-Don si è dimostrata l’opzione meno costosa.
Russia e Kazakistan sono le due parti più interessate alle nuove rotte d'acqua tra il Mar Caspio e il Mar Nero. I due paesi dovrebbero finalizzare gli accordi entro la fine del 2015.
Il Kazakistan è interessato al canale Eurasia, perché avrebbe un percorso più breve e più rapido dal Mar Caspio al Mar Nero; l'interesse russo, tuttavia, è più oscuro, mentre molti esperti stanno parlando di una crescente influenza russa in Kazakistan, senza precisare a cosa si stiano riferendo. Il previsto aumento d’estrazione di petrolio nel Mar Caspio sta costringendo il Kazakistan a cercare percorsi alternativi per consegnare il prodotto ai mercati europei e mondiali; mentre l'interesse russo, tuttavia, sembra essere quello di voler utilizzare il petrolio proveniente dell'Asia Centrale per raggiungere i mercati globali. Così, il Kazakistan e la Russia non sembrano condividere lo stesso comune interesse per il nuovo collegamento fluviale.
Mosca ha anche piani di sviluppo del trasporto regionale del Caucaso del Nord. Il più ambizioso è quello di collegare le repubbliche centrali del Nord del Caucaso al Mar Nero attraverso una strada diretta che costeggi la principale catena del Caucaso. La nuova rotta comincerebbe a Vladikavkaz, per poi passare per Nalchik, Kislovodsk, Karachaevsk, Maikop fino alle città resort sul Mar Nero, Gelendzhik e Anapa. La lunghezza complessiva della strada è stimata ad oltre 800 chilometri. L'autostrada è prevista per promuovere il turismo e migliorare la generale situazione economica della zona. Tuttavia, la stagnazione economica e il terreno montagnoso, che aumenta i costi di costruzione, hanno presumibilmente bloccato i piani governativi.
Non ci può essere una solida base economica per questi piani, giacché non è chiaro come questa autostrada potrebbe giovare alle repubbliche del Caucaso del Nord o alle località del Mar Nero. Durante le Olimpiadi di Sochi nel febbraio 2014, Mosca ha cercato di fare tutto quanto era in suo potere per separare la città di Sochi dal Caucaso del Nord, anche se Sochi è parte geografica della regione. La decisione di mantenere i caucasici del nord lontano da ciò che è visto da molti in Russia come la “capitale del sud”, è improbabile che cambi. Paradossalmente, investendo notevoli risorse per mantenere le repubbliche del Caucaso settentrionale staccate dalla Russia, Mosca allo stesso tempo consapevolmente, mette in una fase di stallo l'integrazione di queste repubbliche nel paese. Annunciando grandiosi piani per lo sviluppo dei trasporti, le considerazioni politiche sembrano, nel calcolo strategico di Mosca, un rischio legato alle esigenze economiche di questo ambizioso progetto.

Condividi
02/05/2015 12:00:00 - 
Torna indietro
ULTIME NOTIZIE

Spadafora (ME) - Al via le riprese del corto “Senza le ali”
24/09/2017 11:35:00

Inizieranno martedì 26 settembre le riprese del cortometraggio dal titolo “Senza le ali”, una storia ...

Acireale (CT) - Tanti vincitori al concorso “Candy Vip 2017”
19/09/2017 18:25:00

  Si è svolta domenica 17 settembre in piazza Peppino Impastato (ex piazza Cappucini di Acireale) la 7°...

Messina - Al 'Maurolico' in corso i lavori di restyling della sede liceale
19/09/2017 16:00:00

  La prestigiosa sede del Liceo “Maurolico” avrà un nuovo look; sono in fase di ultimazione i l...

Milazzo (ME) - Il Castello riconosciuto “luogo della cultura”
10/09/2017 10:50:00

L’Assessorato Regionale ai Beni Culturali e Identità siciliana col decreto n°2997/2017 ha riconosc...

Milazzo (ME) - Targhe ricordo alle bande musicali ospiti della città
08/09/2017 21:15:00

Su iniziativa del Presidente del consiglio comunale Gianfranco Nastasi sono state consegnate due targhe, come segno e ma...

Messina - Palazzo dei Leoni non ostacola il ripristino della sezione staccata di Tortorici
06/09/2017 16:05:00

  In mancanza dei provvedimenti di revoca degli organi competenti l’attività scolastica sarà...

Milazzo (ME) - Consiglio approva mozione Magistri sulle ambulanze medicalizzate
06/09/2017 16:05:00

Il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità dei presenti (16 consiglieri) la mozione per la tutela del...

Milazzo (ME) - Nota delle associazioni ambientaliste sul riesame dell’AIA alla Raffineria
04/09/2017 22:10:00

  In merito all’Autorizzazione Integrata Ambientale della Raffineria di Milazzo, tutt’ora in corso a...

Milazzo (ME) - Convegno su 118 e Pte. La protesta delle municipalità locali
02/09/2017 19:50:00

Si è svolto ieri a Palazzo D’Amico l’incontro pubblico sulla tutela del servizio di ambulanze medical...

Milazzo(ME) - Inaugurato il monumento realizzato dall’orafo Piccione
02/09/2017 19:40:00

  Il sindaco Giovanni Formica e il maestro Antonello Piccione hanno inaugurato giovedì sera il nuovo monume...



qui colonna
Javan24 Italia - Uno sguardo al mondo
Area administrator  -  ActiveNet. Copyright © 2009-2017 Javan24.it  - Tutti i diritti riservati